Cosa devo fare se vengo colpito da un decreto di espulsione?

 Cosa devo fare se vengo colpito da un decreto di espulsione?

Non ci si vorrebbe mai arrivare, ma alle volte capita che il cittadino straniero venga colpito da un Decreto di Espulsione. Si tratta di una procedura molto complessa, che ha molte sfaccettature, e che abbiamo già ampiamente descritto in un nostro precedente articolo.


Può spaventare la complessità della materia trattata, ma vale la pena considerare che esistono strumenti legali per tutelare, oltre che la sicurezza dello stato, anche l'interesse e i diritti del cittadino straniero destinatario del decreto di espulsione.

 

Il primo consiglio da dare, e in assoluto il più saggio, è quello di cercare un'adeguata assistenza legale, ma prima di farlo è bene considerare quali sono le opzioni che si hanno a disposizione in questi casi. Vediamole, ponendoci alcune domande a seconda dei casi specifici.

 

 

Cosa devo fare quando mi notificano un provvedimento di espulsione prefettizia?

 

I provvedimenti di espulsione prefettizi sono atti “recettizi”, ossia hanno effetto solo nel momento in cui vengono notificati all'interessato.


Ovviamente, essendo immediatamente esecutivi non possono essere sospesi a causa della loro impugnazione, a meno che non sia il giudice a sospenderli, eccezionalmente e invia cautelare. Questo significa che, considerando che l'interessato deve trovarsi al di fuori dei confini nazionali entro 7 giorni, l'eventuale accoglimento del ricorso avverrà quando l'interessato sarà già al di fuori dei confini dell'Unione Europea, e necessiterà di un nuovo visto d'ingresso se vi vorrà tornare.


Il ricorso va presentato entro 30 giorni dalla notifica del decreto di espulsione, dinanzi al giudice di pace del luogo dove ha sede l'autorità che ha disposto l'espulsione. Se, ad esempio, il decreto di espulsione viene disposto dalla prefettura di Padova, dovrò depositare il ricorso presso il tribunale di Padova.


Il ricorso può essere depositato dallo straniero autonomamente, ma in seguito si rende necessaria l'assistenza di un difensore di propria fiducia o d'ufficio, con il diritto ad accedere al patrocinio a spese dello Stato.


Nel caso in cui il giudice rigetti il ricorso, l'interessato può ricorrere in Cassazione.


Cosa devo fare quando mi notificano un'espulsione ministeriale? (Art 13 comma 1 TUI)


Data la natura altamente discrezionale dei decreti di espulsione ministeriale, questi sono insindacabili nel merito, e possono essere impugnati solo riguardo all'adeguatezza formale della motivazione davanti al giudice amministrativo.

Il ricorso dovrà essere presentato presso il TAR del Lazio entro i 30 giorni dalla notifica del provvedimento.

 

E nel caso di un richiedente asilo?

 

I richiedenti protezione internazionale hanno diritto al rilascio di un permesso di soggiorno valido per sei mesi, rinnovabile fino alla decisione della domanda o comunque per il tempo in cui è autorizzato a rimanere nel territorio nazionale per la durata di tutte le fasi, sia amministrativa che giudiziaria, necessarie all'esame dei requisiti per il riconoscimento della protezione internazionale.

Spesso, costoro sono destinatari di decreti espulsione prefettizia, ma bisognerà verificare a che punto si trovi la procedura di richiesta di protezione internazionale.

Se il decreto ha raggiunto l'interessato nel momento in cui la domanda di protezione internazionale è ancora pendente, il decreto sarà annullabile in quanto emesso in violazione dell'articolo 7 D.Lgs. 25/2008. Tale norma, infatti, definisce il diritto per chi ha presentato domanda di asilo a rimanere sul territorio dello Stato fino alla decisione della commissione territoriale.

 

Nel caso si abbia presentato domanda di sanatoria?

 

Ai sensi dell'articolo 103 del Decreto Legge 34/2020, chi ha proposto domanda di sanatoria è un soggetto inespellibile, perché fra le cause che impediscono la presentazione della domanda non è annoverata l'ipotesi di essere stati destinatari di un decreto di espulsione amministrativa. Pertanto allo stesso soggetto potrebbe essere rilasciato un permesso di soggiorno temporaneo.

 

La pandemia può essere un motivo per richiedere l'annullamento del decreto espulsivo?

 

Sì! In molti casi le autorità giudiziarie si sono pronunciate ritenendo illegittimi i provvedimenti di espulsione, proprio a causa della chiusura dei confini da parte di moltissimi Stati, e della sospensione dei voli in ingresso a causa dell'emergenza Covid 19. 

Ovviamente tutto questo riguarda stranieri che abbiano raggiunto la maggiore età: la situazione cambia nel caso questi siano minori non accompagnati! 
Hai bisogno di assistenza in questo campo? Contatta il nostro studio: la prima consulenza è senza impegno!