Assegno divorzile: stringersi la mano in un momento difficile

Assegno divorzile: stringersi la mano in un momento difficile

 Spesso, guardando film o serie TV, ci facciamo un'idea stereotipata e infarcita di luoghi comuni riguardo a uno degli istituti più temuti da chiunque affronti il già difficilissimo momento del divorzio: l'assegno divorzile.

Occorre partire dal presupposto che, la maggior parte delle volte, la narrazione di un divorzio che ci deriva dal cinema viene fatta sulla scorta del sistema giuridico statunitense. Spesso, appunto, le informazioni che filtrano sono stereotipate e servono più a fare da corollario a una situazione drammaturgica che a descrivere la realtà.

Ad esempio, non è assolutamente vero che l'assegno divorzile va nell'unica direzione della moglie, così come non è vero che il marito deve dissanguarsi per soddisfare la pretesa di una cifra arbitrariamente fissata da un giudice onnipotente.

Nell'ordinamento italiano, l'assegno divorzile è stabilito secondo parametri ben precisi e il più possibile equi. Vediamo quali.

Innanzitutto, ci corre l'obbligo di fare un rapido passaggio sull'istituto legale dell'assegno divorzile. L'articolo 5 della legge 898/1970, al sesto comma, prevede che:

"tenuto conto delle condizioni dei coniugi, delle ragioni della decisione, del contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare e alla formazione del patrimonio di ciascuno o di quello comune, del reddito di entrambi, e valutati tutti i suddetti elementi anche in rapporto alla durata del matrimonio..." il Tribunale disponga "... l'obbligo per un coniuge di somministrare periodicamente a favore dell'altro un assegno quando quest'ultimo non ha mezzi adeguati o comunque non può procurarseli per ragioni oggettive"

 

Sino al 2017 la norma era stata interpretata così da garantire al coniuge economicamente più debole un assegno che potesse permettergli lo stesso tenore di vita che aveva avuto durante la sussistenza del rapporto matrimoniale.

Nel 2017, con la sentenza n. 11504/ 2017 viene abbandonato detto criterio guida e si ha riguardo all’autosufficienza economica del coniuge e alla sua capacità di produrre reddito.

Invero la diversa interpretazione della normativa di riferimento è frutto dei tempi, in quanto ad una famiglia degli anni 70 nella quale la moglie era molto spesso casalinga o comunque aveva un reddito inferiore a quello del marito poiché lavorava part-time per dedicarsi alla famiglia si è sostituita una famiglia nella quale i redditi e i ruoli dei coniugi possono essere paritari, sicché il parametro guida del tenore della vita matrimoniale doveva necessariamente cessare.

Dal criterio dell’autosufficienza economica, tuttavia, sono conseguite delle aberrazioni soprattutto in quei casi nei quali la moglie aveva conservato una capacità lavorativa che tuttavia non poteva più spendere in un momento di crisi economica.


A dirimere la questione è intervenuta la sentenza 18287/2018 delle Sezioni Unite, che ha avuto il merito di superare ma al contempo contemperare le opposte visioni giurisprudenziali vagliando l'oggettiva situazione delle parti. L'assegno divorzile viene parametrato alla situazione dei coniugi e alla storia coniugale, mettendo per la prima volta su un piano paritetico tutti i criteri presi in considerazione dall'articolo 5 della legge sul divorzio del 1970.

 

Attualmente, la funzione dell'assegno divorzile viene considerata come assistenziale, compensativa e solo in parte perequativa, ossia che abbia lo scopo di eliminare eventuali disparità ed eliminare svantaggi.

 

Ne ha diritto chi si trova in una situazione di difficoltà economica come conseguenza della conclusione del matrimonio non avendo possibilità di procurarsi altrove i mezzi di sostentamento necessari sulla base di difficoltà oggettive.

 

La forbice di discrezionalità del giudice nel quantificare una consistenza ulteriore dell'assegno consiste nella valutazione di una variabile di natura umana. Si tiene conto dei sacrifici fatti dal coiunge "debole" per la famiglia: l'assegno potrà quindi essere quantificato anche sulla base del contributo dato dal coniuge alla vita coniugale, garantendogli un reddito che tenga conto anche dei sacrifici fatti.


Così, sul finire di un matrimonio, si pareggiano i conti e si rimette in pari il piatto della bilancia. Ma come si può agire preventivamente per evitare malintesi e non lasciare nulla al caso in un matrimonio?

Semplice: con un accordo prematrimoniale.